Art, Filosofia, prose, Psicologia

I. Panicnoia – Italian Version

Le mie gambe invisibili mentre vago tra le nuvole. Il passo incerto fatalmente verso la rovina. Bagnato di sudore, la vista annebbiata, tante facce, amici mai.

Barcollo, un’altra strana sensazione di morte; l’assaporo. L’aria è satura di angoscia. Stordito titillo le mie estremità, posso sentirlo nelle mie ossa; è il momento.

Il rumore che mi avvolge è solo mio.
Quelle risate, quelle facce, non sono consapevoli della verità, vero?
La loro?

Un altro passo, l’ultimo pensiero

Pillola

Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s